La nostra missione
Gli obiettori di coscienza possono legittimamente partecipare ai concorsi di Polizia Municipale PDF Stampa E-mail
 

REPUBBLICA ITALIANA

N. 8 REG. SENT. ANNO 2007

N.       422       REG. RIC ANNO 2002

In nome del Popolo Italiano

IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE             

PER LA TOSCANA

- II^ SEZIONE -

ha pronunciato la seguente:

S E N T E N Z A

sul ricorso n. 422/02 proposto da PAL. ANDREA, rappresentato e difeso dall'avv. Marino Bianco, nel cui studio in Firenze è domiciliato in Via Nazionale n. 57 (già in Via Santa Reparata n. 40);

c o n t r o

- il COMUNE DI FIRENZE, in persona del Sindaco pro tempore, nonché del dirigente della Direzione Organizzazione, quanto a quest'ultimo, - su delega del Sindaco – rappresentato e difeso dall'avv. Sergio Peruzzi e dall'avv. Alessandra Cappelletti, domiciliato a Piazza della Signoria (Palazzo Vecchio);

e nei confronti di:

- VAN. MARCO, non costituitosi in giudizio;

p e r l ‘ a n n u l l a m e n t o, previa sospensione

della determinazione dirigenziale 28.12.2001 n. 17465 (comunicata con nota 9.1.2002 n. 256) con la quale il dirigente della Direzione organizzazione ha preso atto che il ricorrente, vincitore del concorso pubblico a 50 posti di agente di Polizia Municipale del Comune di Firenze, non aveva i requisiti di accesso richiesti dal bando, disponendo di non procedere alla sua assunzione, della determinazione –dirigenziale 28.12.2001 n. 17478, per quanto occorrer possa, con cui è stata disposta l'assunzione di 110 agenti di Polizia Municipale nonché del bando del concorso in questione, approvato con determinazioni dirigenziali 12.10.2000 n. 10178 e 1.6.2001 n. 6586, in quanto occorra, in parte qua per i punti 5 e 9 dell'art. 3 e di tutti gli atti connessi;

Visto il ricorso con i relativi allegati;

Visto l' atto di costituzione in giudizio del Comune di Firenze;

Viste le memorie difensive presentate dalle parti;

Vista l'ordinanza cautelare 12.3.2002 n. 336 con cui questa Sezione ha respinto l'istanza di sospensione;

Vista l'ordinanza istruttoria 2.3.2006 n. 1139 con cui questa Sezione ha disposto l'acquisizione di ulteriore documentazione;

Visti gli atti tutti di causa;

Relatore designato il Cons. Lydia Ada Orsola Spiezia;

Uditi, alla pubblica udienza del 13 luglio 2006, gli avv.ti Marino Bianco e Sergio Peruzzi;

Ritenuto e considerato in fatto ed in diritto quanto segue:

F A T T O E D I R I T T O

Con determinazione dirigenziale 12.10.2000 n. 10178 il Comune di Firenze indisse il Corso-concorso pubblico per la copertura di 50 posti nel profilo di Agente di Polizia Municipale (Cat. C), cui partecipò il signor PAL. Andrea collocandosi al 3° posto della graduatoria approvata con determinazione dirigenziale – Direz. Organizz. 28.12.2001 n. 17399; determinazione che, nel dare atto della validità triennale della graduatoria, disponeva (prima della stipula del contratto di lavoro) una “ulteriore verifica del possesso dei requisiti d'accesso dichiarati dai candidati nella domanda di concorso”.

A seguito di tale verifica con determinazione dirigenziale 28.12.2001 n. 17465 (in pari data rispetto all'approvazione degli atti del concorso) il Comune di Firenze, avendo rilevato che il sig. PAL. aveva prestato servizio civile come obiettore di coscienza e, quindi, aveva un impedimento al porto ed all'uso dell'arma in dotazione della Polizia Municipale, stabiliva di non procedere alla sua assunzione in servizio per mancanza di uno dei requisiti al concorso.

Avverso la determinazione di esclusione dalla graduatoria, unitamente a quella in pari data n. 17478 con cui, invece, il Comune ha disposto l'assunzione di 110 Agenti di Polizia Municipale attingendo a quella graduatoria, nonché, ove occorra, le specifiche disposizioni del bando, art. 3 punto 5 e 9, relative ai requisiti di ammissione al concorso, l'interessato ha proposto il ricorso in epigrafe, chiedendone l'annullamento, previa sospensione, per i seguenti motivi:

A) quanto alle determinazioni dirigenziali n. 17465/2001 e n. 17478/2001.

A.1. Violazione del bando di concorso e del principio di imparzialità e buon andamento, anche sotto il profilo della chiarezza e trasparenza nonché della legge n. 230/1998; eccesso di potere per travisamento e difetto di motivazione, nonché illegittimità derivata della determinazione dirig. N. 17478/2001.

Ad avviso del ricorrente, infatti, la determinazione dirigenziale che esclude dalla graduatoria e dall'assunzione il ricorrente non indicherebbe le norme di legge che gli impediscono il porto e l'uso dell'arma, ma richiama l'art. 15 comma 7 della legge 8.7.1998 n 230 sul servizio civile (sostitutivo di quello militare), mentre il bando di concorso per i requisiti di accesso faceva riferimento soltanto al Regolamento Comunale per l'armamento del Corpo di Polizia Municipale e, quindi, non avrebbe previsto l'impossibilità di accesso al concorso da parte degli obiettori di coscienza.

A.2 Con traddittorietà con precedente provvedimento, eccesso di potere e carenza di motivazione specifica per gli atti di autotutela, nonché violazione delle norme sul giusto procedimento e dei principi di buon andamento e di non aggravamento, violazione dell'art. 7 legge n. 241/1990 ed illegittimità derivata della connessa determinazione dirig. n. 17478/2001.

L'esclusione del ricorrente dalla graduatoria e dall'assunzione costituirebbe un vero e proprio atto di autotutela per il quale, però, difetterebbe la richiesta motivazione circa la sussistenza di un interesse pubblico concreto ed attuale all'annullamento dell'atto illegittimo; erroneamente, quindi, il Comune avrebbe qualificato come “errore materiale” l'ammissione del ricorrente al corso-concorso; infine sarebbe mancato qualsiasi avviso di avvio del procedimento di annullamento de quo nei suoi confronti.

B. Quanto al bando del corso-concorso, art. 3 punti 9 e 5.

B.1 Genericità ed indeterminatezza, ed eccesso di potere per travisamento ed irragionevolezza nonché violazione del Regolamento del Comune di Firenze per l'armamento della Polizia Municipale (delibera 12.1.1998 n. 48), della legge 7.3.1986 n. 65, della legge 8.7.1998 n. 230 e dei principi di imparzialità e buon andamento nonché illegittimità derivata delle determinaz.dirig. n. 17465 e n. 17478 del 28.12.2001.

Il bando del corso-concorso, ad avviso del ricorrente, non contemplerebbe il divieto di partecipazione degli obiettori di coscienza, ma le prescrizioni del punto 9 art. 3 del bando – ove avessero portata preclusiva-sarebbero comunque illegittime per violazione dello stesso Regolamento comunale per la disciplina dell'armamento del Corpo di Polizia Municipale sotto il profilo del travisamento e dell'erroneo presupposto nonché della legge quadro sull'ordinamento di Polizia Municipale 7.3.1986 n. 65, che non assimila automaticamente l'attività dell'agente di Polizia Municipale a quella dell'agente di Pubblica sicurezza ed, infine, anche della vigente legge sull'obiezione di coscienza n. 230/1998, art. 15, poiché le funzioni di agente della Polizia Municipale non comportano di per se stesse l'uso delle armi.

Infine il ricorrente, insistendo sulla equivocità delle prescrizioni del bando che avrebbero impedito l'ammissione al corso concorso di coloro che avessero prestato servizio civile, ha rilevato che soltanto l'esito negativo della procedura concorsuale ha fatto sorgere il suo interesse concreto ed attuale all'impugnazione del bando medesimo per gli esposti profili; pertanto le correlate censure sarebbero chiaramente tempestive.

1.1. Si è costituito in giudizio il Comune di Firenze, che ha eccepito la tardività delle censure formulate avverso il bando di concorso e l'inammissibilità di quelle avverso la determinazione di esclusione dalla graduatoria in quanto atto meramente esecutivo del bando stesso; nel merito, poi, ha chiesto il rigetto del ricorso.

Con ordinanza 12.3.2002 n. 336 questa Sezione respinse l'istanza di sospensione dei provvedimenti impugnati.

Con memoria difensiva del febbraio 2006 il ricorrente, insistendo per l'accoglimento del ricorso, ha, inoltre, fatto presente che – nelle more del giudizio – il Consiglio Comunale con delibera 16.6.2003 n. 347 aveva approvato una modifica al Regolamento Comunale per l'armamento della Polizia municipale, art. 4, che espressamente contemplava la previsione dell'impiego degli agenti-obiettori “in servizi compatibili con tale posizione”; si ricordava, poi, che nel frattempo dal gennaio 2005 era stata anche abolita la leva obbligatoria militare con la conseguente eliminazione della occasione che più frequentemente portava a formulare l'obiezione di coscienza.

Con memoria difensiva sempre del febbraio 2006 il Comune di Firenze, preliminarmente illustrata in maniera più articolata l'eccezione di tardiva impugnazione del bando di concorso, nel merito ha confermato la richiesta di rigetto del ricorso; poi ha ridepositato una relazione della direzione organizzazione e altra documentazione.

Con successiva ordinanza istruttoria n. 1139/2006 è stata disposta l'acquisizione della copia della domanda di partecipazione al concorso presentata dal ricorrente, ponendo tale incombente a carico del Comune di Firenze che ha provveduto con nota 20 aprile 2006.

Nell'imminenza della trattazione della causa con ulteriore memoria il ricorrente ha insistito per l'accoglimento del ricorso.

Alla pubblica udienza del 13 luglio 2006, uditi i difensori presenti per le parti, la causa è passata in decisione.

2. Quanto sopra premesso in fatto, in diritto la controversia concerne principalmente la dedotta illegittimità del provvedimento con cui il ricorrente, inserito al 3° posto in graduatoria del corso-concorso per 50 posti di agente di polizia municipale presso il Comune di Firenze, è stato poi escluso dal concorso (in quanto obiettore di coscienza), nonché del bando del concorso medesimo, in parte qua, limitatamente alla clausola dell'art. 3, punto 9, relativa all'assenza di situazioni personali preclusive del porto e dell'uso dell'arma “in dotazione obbligatoria a tutti gli appartenenti alla Polizia municipale”.

Comunque in via preliminare va esaminata l'eccezione di tardività dell'impugnazione del bando (effettuata soltanto all'esito delle prove concorsuali il 22.2.2002), nonché di inammissibilità delle censure formulate avverso il provvedimento di esclusione in quanto atto meramente esecutivo del bando stesso.

L'eccezione non appare condivisibile.

Invero la fattispecie all'esame presenta dei tratti peculiari per cui all'epoca di pubblicazione del bando non era configurabile in capo al ricorrente l'interesse ad impugnarlo.

Infatti, in primo luogo, il candidato PAL. è stato regolarmente ammesso al concorso con la determinazione dirigenziale 8.8.2001 n. 9681, allegato 2, numero progressivo 1.896 nell'elenco di quelli (2111) “in possesso dei requisiti previsti per l'ammissione al corso-concorso”, mentre, sotto altro profilo, il candidato medesimo ha dichiarato nella domanda di partecipazione di non avere impedimenti personali che limitassero il porto e l'uso dell'arma in dotazione obbligatoria.

Pertanto l'interesse del ricorrente all'impugnazione del bando è chiaramente sopravvenuto durante lo svolgimento della procedura concorsuale e cioè soltanto a seguito della esclusione dalla graduatoria dei vincitori (disposta con la determinazione dirigenziale 28.12.2001 n. 17465) a causa della asserita mancanza dei requisiti d'accesso al concorso medesimo.

2.1. Nel merito il ricorso appare fondato con specifico riferimento alla violazione dell'obbligo di avviso di avvio di procedimento di cui alla legge n. 241/1990, art. 7, ed alla dedotta illegittimità derivata, nonché quanto all'art. 3 punto 9 del bando, con riferimento alla falsa applicazione della legge 8.7.1998 n. 230, art. 15, della legge 7.3.1986 n. 65 e del Regolamento del Comune di Firenze per la disciplina dell'armamento del Corpo di Polizia Municipale.

Come si è sopra accennato, il provvedimento di esclusione è stato motivato con riferimento all'art. 15 della legge 8.7.1998 n. 230 in materia di obiezione di coscienza che vieta a coloro che hanno prestato il servizio civile (gli obiettori) “di partecipare ai concorsi per l'arruolamento nelle forze armate, nell'arma dei Carabinieri, nel Corpo della Guardia di Finanza, nella Polizia di Stato nel Corpo di Polizia penitenziaria e nel Corpo Forestale dello Stato o per qualsiasi altro impiego che comporti l'uso delle armi”.

In realtà, invece, la suddetta preclusione, come la giurisprudenza ha avuto modo di precisare (vedi ex multis C.G.A. 12.6.2003 n. 240 nonché parere C.d.S., III, 25.3.2003 n. 964), non risulta applicabile anche ai concorsi di assunzione nella Polizia Municipale comunale poiché, ai sensi della legge quadro sull'ordinamento della polizia municipale 7.3.1986 n. 65, art. 5, il personale di polizia municipale è abilitato a svolgere anche funzioni ausiliari di pubblica sicurezza soltanto previo conferimento da parte del competente Prefetto della qualità di agente di pubblica sicurezza; conferimento condizionato all'accertamento di specifi requisiti indicati nel medesimo art. 5 il cui venir meno comporta la perdita della suddetta qualità da disporsi con apposito provvedimento del Prefetto; lo stesso art. 5 citato, al comma 5, prevede che gli addetti al servizio di polizia municipale ai quali è conferita la qualità di agente di pubblica sicurezza possono portare anche fuori dal servizio le armi di cui “possono essere dotati in relazione al tipo di servizio nei termini e modalità previsti dai rispettivi regolamenti”.

Con decreto del Ministero dell'Interno 4.3.1987 n. 145 (Norme concernenti l'armamento degli appartenenti alla polizia municipale ai quali è conferita la qualità di agente di pubblica sicurezza) è stato previsto (art.2) il rinvio ai regolamenti comunali per determinare “i servizi di polizia municipale per i quali gli addetti in possesso della qualità di agente di pubblica sicurezza portano, senza licenza, le armi di cui sono dotati, nonché i termini e le modalità del servizio prestato con armi”; infine, in attuazione del suddetto decreto ministeriale, con il regolamento comunale (approvato – nel testo vigente – con delibera consiliare 12.1.1998 n. 48) il Comune di Firenze disciplinò l'armamento del proprio Corpo di Polizia Municipale, stabilendo (art. 1) che i servizi prestati con armi possono essere eseguiti solo dagli appartenenti al Corpo che siano in possesso della qualità di agenti di pubblica sicurezza;

2.2. Dall'illustrato quadro normativo emerge, quindi, che lo status di agente di pubblica sicurezza costituisce una prerogativa accessoria ed eventuale (acquisibile solo a seguito di specifico procedimento di competenza del Prefetto) delle funzioni di servizio dell'agente di Polizia Municipale e che l'arma non è in ordinaria “dotazione obbligatoria” degli agenti di Polizia Municipale, poiché solo quelli in possesso della qualità di agente di pubblica sicurezza posso eseguire i servizi prestati con armi (vedi art. 1 Regolamento Comune di Firenze per l'armamento del Corpo di Polizia Municipale).

Conseguentemente risulta illegittima per violazione delle riportate fonti normative (legislative e regolamentari) e del principio di trasparenza nonché per travisamento (terzo motivo) la prescrizione del bando di concorso che, dando per presupposta la dotazione obbligatoria dell'arma per tutti gli appartenenti alla Polizia municipale ai sensi del vigente regolamento comunale sull'armamento della medesima, ha previsto all'art. 3, punto 9 (tra i requisiti per l'ammissione al corso concorso per agenti) che i candidati non avessero impedimenti al porto ed uso di armi “derivanti da norme di legge o regolamento ovvero da scelte personali”.

2.3. Parallelamente la determinazione dirigenziale n. 17465/2001 di esclusione del ricorrente dal concorso risulta illegittima non solo per illegittimità derivata da quella dell'art. 3, p. 9, del bando, ma in via autonoma anche per falsa applicazione della legge 8.7.1998 n . 230, art. 15 (primo motivo) e per violazione della legge n. 241/1990, art. 7.

Infatti, come si è detto, le funzioni appartenenti alla Polizia municipale di per se stesse non rientrano tra quelli che comportano l'uso di armi e, quindi, la partecipazione al concorso per tale impiego non rientra nell'ambito dello specifico divieto disposto dalla suddetta disposizione legislativa nei confronti degli obiettori di coscienza ammessi a prestare servizio civile; inoltre, per generale canone ermeneutico, le prescrizioni normative limitative della sfera giuridica del privato vanno interpretate ristrittivamente per l'evidente esigenza di garantire non solo la certezza del diritto, ma anche l'osservanza dei diritti fondamentali della persona riconosciuti a livello costituzionale.

2.3.1. Comunque, anche se la verifica “ulteriore” del possesso dei requisiti d'accesso al concorso era prevista nella stessa delibera 28.12.2001 n. 17399 di approvazione della graduatoria di merito cionondimeno l'amministrazione procedente (in osservanza dell'obbligo di avviso di avvio del procedimento ai sensi dell'art. 7 legge n. 241/1990), avrebbe dovuto, comunque, comunicare al concorrente – vincitore che non avrebbe proceduto alla conseguente assunzione in servizio, avendo rilevato che l'ammissione al concorso in realtà sarebbe avvenuta “errore materiale”.

Invece illegittimamente il candidato non è stato posto in grado né di fornire le proprie controdeduzioni in ordine ai pretesi effetti preclusivi derivanti dalla propria posizione di obiettore, che (all'epoca del concorso) svolgeva il servizio civile, né tanto meno di partecipare al seguito del procedimento con cui il Comune di Firenze, escluso il ricorrente dalla graduatoria (unitamente ad altro candidato), con determinazione dirigenziale 17478 del 28.12.2001 ha deciso di procedere all'assunzione non solo dei 50 originari vincitori bensì di 112 unità di personale (attingendoli dalla stessa graduatoria avendo deciso di procedere alla copertura anche di altri 40 posti nel profilo di agente di Polizia Municipale resisi disponibili nelle more dello svolgimento del concorso in questione).

2.4. Va, infine, rilevato che la dichiarata illegittimità della esclusione del ricorrente dalla graduatoria (3° posto) comporta di necessità in via derivata l'invalidità in parte qua anche della determinazione 17478/2001 limitatamente alla parte in cui ha coperto con altro candidato uno dei 112 posti vacanti per il quale, invece, il ricorrente aveva titolo ad essere assunto.

2.5. Infine, per completezza del quadro regolamentare ed organizzativo relativo al Servizio di Polizia Municipale del Comune di Firenze, il collegio fa presente che – nelle more del giudizio – con delibera 16.6.2003 n. 347 il Consiglio Comunale ha apportato alcune modifiche al citato Regolamento per la disciplina dell'armamento del Corpo di polizia Municipale, prevedendo – tra l'altro – nel nuovo testo dell'art. 4 che “gli obiettori di coscienza eventualmente presenti nel Corpo della Polizia Municipale saranno impiegati, nel rispetto del presente regolamento, secondo le disposizioni del Comando in servizi compatibili con tale posizione di obiettore” (comma 2) e precisando (comma 7) che ogni appartenente al Corpo non dotato dell'arma “non può essere adibito ai servizi di guardia armata a sedi o palazzi, né a quelli di pronto intervento a bordo di veicoli, con esclusione degli altri servizi ordinari ovvero di viabilità e rilievo di incidenti stradali, effettuati anche in orario notturno”.

Pertanto, nell'attuale quadro regolamentare comunale, lo svolgimento del servizio di agente di Polizia Municipale da parte del ricorrente, quanto allo status di obiettore di coscienza, avverrebbe in presenza di specifiche indicazioni normative volte a garantire sia la piena efficienza sia la compatibilità con la pregressa dichiarazione di obiezione di coscienza.

3. Concludendo, assorbita ogni altra censura o profilo di censura per economia di mezzi e preliminarmente respinta l'eccezione di tardiva impugnazione del bando, nel merito di ricorso va accolto e, per l'effetto, vanno annullate (per quanto riguarda il ricorrente) le determinazioni dirigenziali n.17465 e n. 17478 entrambe del 28.12.2001, nonché il bando del corso-concorso in questione limitatamente al punto 9 dell'art. 3 nei sensi sopra illustrati (e cioè con riferimento all'asserito presupposto che l'arma è in dotazione obbligatoria a tutti gli appartenenti alla Polizia Municipale ai sensi del Regolamento del Comune di Firenze per la disciplina dell'armamento del Corpo di Polizia Municipale nel testo vigente nel 2001) con il conseguente obbligo del Comune di Firenze di assumere ogni iniziativa idonea a dare esecuzione alla presente sentenza.

Quanto alle spese di lite il Collegio ritiene che sussistono giusti motivi per compensarle in considerazione delle incertezze che per lungo tempo sono state connesse alla individuazione delle preclusioni derivanti in più campi dell'attività lavorativa dalla dichiarazione di obiezione di coscienza.

P. Q. M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana , Sezione II^, accoglie il ricorso in epigrafe e, per l'effetto, annulla in parte qua le determinazioni dirigenziali n. 17465 e n. 17478 entrambe del 28.12.2001, nonché il bando del corso-concorso in epigrafe meglio indicato quanto all'art. 3, punto 9, nei sensi e limiti illustrati in motivazione.

Oneri di lite compensati tra le parti.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'Autorità amministrativa.

Così deciso in Firenze, il 13 luglio 2006 , dal Tribunale Amministrativo Regionale della Toscana, in Camera di Consiglio, con l'intervento dei signori:

Giuseppe PETRUZZELLI - Presidente

Lydia Ada Orsola SPIEZIA - Consigliere,est.

Roberto PUPILELLA - Consigliere

F.to Giuseppe Petruzzelli

F.to Lydia Ada Orsola Spiezia

F.to Silvana Nannucci - Segretario

DEPOSITATA IN SEGRETERIA IL 15 GENNAIO 2007

Firenze, lì 15 GENNAIO 2007

Il Direttore della Segreteria       

F.to Silvana Nannucci


 


Studio Legale Romanazzi
70010 Turi (Ba) - Via XX Settembre, n.39
Tel. e Fax (+39) 080.8915903  Mob. 340 3038255
Email   Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
C.F. RMN CSR 76D28 E038T  P. IVA. 04628620728

 
< Prec.   Pros. >